Vai al contenuto


- - - - -

Maleducazione


10 risposte a questa discussione

#1 miticpippo

    Advanced Member

  • Trusted Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 18074 Messaggi:

Inviato 02 December 2010 - 08:04

Leggo casualmente questo articolo su internet e lo ritrascrivo trovandolo semplice quanto estremamente veritiero e sconfortante, cosa ne pensate? Cosa è più necessario oggi, un popolo ricco o un popolo educato? Cosa conta di più, l'essere arroganti o l'essere amabili? Certo la risposta è evidente, ma nella sostanza delle cose, cioè nella vita di tutti i giorni, ci scontriamo con individui che non sono nè educati nè amabili. In qualunque posto ci troviamo, sempre più spesso incontriamo uomini, donne e ragazzi che non hanno nessun rispetto per gli altri. Non solo alla posta o al supermarcato, ma anche nella sala d'apetto del dottore o alla fermata del bus, sempre di più l'educazione è latitante. Quello che però mi fa più male è vedere ragazzini o adolescenti non avere nessuna idea di che cosa significhi la parola rispetto. Di chi la colpa? Non voglio additare responsabilità particolari, ma credo che molte colpe siano da imputare al nuovo modello di famiglia italiana che chiudendosi sempre più a riccio non lascia più spazio al dialogo con gli altri e quindi alla possibilità del confronto con il prossimo, che si fonda prima di tutto sul rispetto di chi è diverso da me. Sono quasi certo che una delle negligenze più gravi della maggior parte delle famiglie italiane sia quella di non sapere più educare, cioè saper tirare fuori il meglio di sè dai propri figli. Non voglio qui fare distinzioni tra famiglia etica e famiglia affettiva, ma quello che risulta evidente è che i genitori non trasmettono più regole ai loro figli. Ecco che allora quando questi entrano a scuola o al cinema non concepiscono che, in un luogo diverso a quello familiare, ci siano delle regole da rispettare. Non è certo necessario essere pedagogisti per osservare la maleducazione delle nuove genarazioni. Tutto è permesso, tutto è lecito. Così è difficile far capire a un bimbo che a scuola o in una stanza di ospedale, dove qualcuno soffre, il cellulare va spento. E' difficile perchè se non glielo ha insegnato suo padre, quel bimbo non lo capirà mai. E' difficile convincere una ragazzina che a scuola è necessario un certo abbigliamento, perchè se non glielo spiega sua madre, di certo non lo può capire dal rimprovero di un preside. E di esempi simili ce ne sarebbero decine e decine. La maleducazione significa perdita di valori portanti. E questo è un conto che la nuova società fondata sul denaro sta pagando. La maleducazione è la frontiera della nuova inciviltà.
Il sempre impeccabile Miticboy e' risorto e non tramonta mai....Immagine inserita


https://www.youtube....h?v=UHckoD3mQhw

#2 Guest__*

  • Guests

Inviato 02 December 2010 - 08:40

Cazzo che palle. Dopo 2 righe a leggerti a momenti mi addormento davanti al pc. Magari le intenzioni erano buone......però che balle quadre nel leggerti.............

#3 bruttoanatroccolo

    Advanced Member

  • Trusted Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 6686 Messaggi:

Inviato 02 December 2010 - 09:13

Citazione

  Cazzo che palle. Dopo 2 righe a leggerti a momenti mi addormento davanti al pc. Magari le intenzioni erano buone......però che balle quadre nel leggerti.............  
quoto, è proprio un nazista  Immagine inserita o la pensi come lui o sei da accoppare !!!!!!!!!!!! Immagine inserita

#4 lucaypd

    Advanced Member

  • Trusted Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 21169 Messaggi:

Inviato 02 December 2010 - 11:46

Immagine inserita mitic ma che c'hai oggi? Avresti voglia di far famiglia???

#5 lucaypd

    Advanced Member

  • Trusted Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 21169 Messaggi:

Inviato 02 December 2010 - 13:37

Citazione

Citazione

 

Citazione

  Cazzo che palle. Dopo 2 righe a leggerti a momenti mi addormento davanti al pc. Magari le intenzioni erano buone......però che balle quadre nel leggerti.............  
quoto, è proprio un nazista  Immagine inserita o la pensi come lui o sei da accoppare !!!!!!!!!!!! Immagine inserita  
Io più che altri accoperei lui.   Confermo: sei proprio una palla quadra, ippopotamo.
ma cosa vuoi accoppare tu..

#6 Coolfatguy

    Advanced Member

  • Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 1067 Messaggi:

Inviato 03 December 2010 - 04:26

Non credo che il problema sia la società "basata sul denaro" però il contenuto è condivisibile. Lo immaginate se dopo tutta quella triste analisi concludeva con: "Cari lettori vi saluto mandandovi EDUCATAMENTE affan...."  Immagine inserita

#7 maxmolle

    SONO UNA GARANZIA!..datemi 1 materasso ed io nn vi daro'

  • Trusted Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 8650 Messaggi:
  • Locationnel letto di ogni donna!!!!

Inviato 03 December 2010 - 07:20

Citazione

Leggo casualmente questo articolo su internet e lo ritrascrivo trovandolo semplice quanto estremamente veritiero e sconfortante, cosa ne pensate? Cosa è più necessario oggi, un popolo ricco o un popolo educato? Cosa conta di più, l'essere arroganti o l'essere amabili? Certo la risposta è evidente, ma nella sostanza delle cose, cioè nella vita di tutti i giorni, ci scontriamo con individui che non sono nè educati nè amabili. In qualunque posto ci troviamo, sempre più spesso incontriamo uomini, donne e ragazzi che non hanno nessun rispetto per gli altri. Non solo alla posta o al supermarcato, ma anche nella sala d'apetto del dottore o alla fermata del bus, sempre di più l'educazione è latitante. Quello che però mi fa più male è vedere ragazzini o adolescenti non avere nessuna idea di che cosa significhi la parola rispetto. Di chi la colpa? Non voglio additare responsabilità particolari, ma credo che molte colpe siano da imputare al nuovo modello di famiglia italiana che chiudendosi sempre più a riccio non lascia più spazio al dialogo con gli altri e quindi alla possibilità del confronto con il prossimo, che si fonda prima di tutto sul rispetto di chi è diverso da me. Sono quasi certo che una delle negligenze più gravi della maggior parte delle famiglie italiane sia quella di non sapere più educare, cioè saper tirare fuori il meglio di sè dai propri figli. Non voglio qui fare distinzioni tra famiglia etica e famiglia affettiva, ma quello che risulta evidente è che i genitori non trasmettono più regole ai loro figli. Ecco che allora quando questi entrano a scuola o al cinema non concepiscono che, in un luogo diverso a quello familiare, ci siano delle regole da rispettare. Non è certo necessario essere pedagogisti per osservare la maleducazione delle nuove genarazioni. Tutto è permesso, tutto è lecito. Così è difficile far capire a un bimbo che a scuola o in una stanza di ospedale, dove qualcuno soffre, il cellulare va spento. E' difficile perchè se non glielo ha insegnato suo padre, quel bimbo non lo capirà mai. E' difficile convincere una ragazzina che a scuola è necessario un certo abbigliamento, perchè se non glielo spiega sua madre, di certo non lo può capire dal rimprovero di un preside. E di esempi simili ce ne sarebbero decine e decine. La maleducazione significa perdita di valori portanti. E questo è un conto che la nuova società fondata sul denaro sta pagando. La maleducazione è la frontiera della nuova inciviltà.
COME NN QUOTARTI!!!!i genitori non trasmettono più regole ai loro figli.Immagine inseritaImmagine inseritaIO USEREI QUESTOImmagine inserita MA NN X I FIGLI....MA X I GENITORI!!!!!!!!!!!!Immagine inseritaImmagine inserita

#8 miticpippo

    Advanced Member

  • Trusted Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 18074 Messaggi:

Inviato 03 December 2010 - 08:50

Citazione

Citazione

Leggo casualmente questo articolo su internet e lo ritrascrivo trovandolo semplice quanto estremamente veritiero e sconfortante, cosa ne pensate? Cosa è più necessario oggi, un popolo ricco o un popolo educato? Cosa conta di più, l'essere arroganti o l'essere amabili? Certo la risposta è evidente, ma nella sostanza delle cose, cioè nella vita di tutti i giorni, ci scontriamo con individui che non sono nè educati nè amabili. In qualunque posto ci troviamo, sempre più spesso incontriamo uomini, donne e ragazzi che non hanno nessun rispetto per gli altri. Non solo alla posta o al supermarcato, ma anche nella sala d'apetto del dottore o alla fermata del bus, sempre di più l'educazione è latitante. Quello che però mi fa più male è vedere ragazzini o adolescenti non avere nessuna idea di che cosa significhi la parola rispetto. Di chi la colpa? Non voglio additare responsabilità particolari, ma credo che molte colpe siano da imputare al nuovo modello di famiglia italiana che chiudendosi sempre più a riccio non lascia più spazio al dialogo con gli altri e quindi alla possibilità del confronto con il prossimo, che si fonda prima di tutto sul rispetto di chi è diverso da me. Sono quasi certo che una delle negligenze più gravi della maggior parte delle famiglie italiane sia quella di non sapere più educare, cioè saper tirare fuori il meglio di sè dai propri figli. Non voglio qui fare distinzioni tra famiglia etica e famiglia affettiva, ma quello che risulta evidente è che i genitori non trasmettono più regole ai loro figli. Ecco che allora quando questi entrano a scuola o al cinema non concepiscono che, in un luogo diverso a quello familiare, ci siano delle regole da rispettare. Non è certo necessario essere pedagogisti per osservare la maleducazione delle nuove genarazioni. Tutto è permesso, tutto è lecito. Così è difficile far capire a un bimbo che a scuola o in una stanza di ospedale, dove qualcuno soffre, il cellulare va spento. E' difficile perchè se non glielo ha insegnato suo padre, quel bimbo non lo capirà mai. E' difficile convincere una ragazzina che a scuola è necessario un certo abbigliamento, perchè se non glielo spiega sua madre, di certo non lo può capire dal rimprovero di un preside. E di esempi simili ce ne sarebbero decine e decine. La maleducazione significa perdita di valori portanti. E questo è un conto che la nuova società fondata sul denaro sta pagando. La maleducazione è la frontiera della nuova inciviltà.
COME NN QUOTARTI!!!!i genitori non trasmettono più regole ai loro figli.Immagine inseritaImmagine inseritaIO USEREI QUESTOImmagine inserita MA NN X I FIGLI....MA X I GENITORI!!!!!!!!!!!!Immagine inseritaImmagine inserita
Finalmente una risposta intelligente..
Il sempre impeccabile Miticboy e' risorto e non tramonta mai....Immagine inserita


https://www.youtube....h?v=UHckoD3mQhw

#9 lucaypd

    Advanced Member

  • Trusted Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 21169 Messaggi:

Inviato 03 December 2010 - 08:53

Citazione

Citazione

Citazione

Leggo casualmente questo articolo su internet e lo ritrascrivo trovandolo semplice quanto estremamente veritiero e sconfortante, cosa ne pensate? Cosa è più necessario oggi, un popolo ricco o un popolo educato? Cosa conta di più, l'essere arroganti o l'essere amabili? Certo la risposta è evidente, ma nella sostanza delle cose, cioè nella vita di tutti i giorni, ci scontriamo con individui che non sono nè educati nè amabili. In qualunque posto ci troviamo, sempre più spesso incontriamo uomini, donne e ragazzi che non hanno nessun rispetto per gli altri. Non solo alla posta o al supermarcato, ma anche nella sala d'apetto del dottore o alla fermata del bus, sempre di più l'educazione è latitante. Quello che però mi fa più male è vedere ragazzini o adolescenti non avere nessuna idea di che cosa significhi la parola rispetto. Di chi la colpa? Non voglio additare responsabilità particolari, ma credo che molte colpe siano da imputare al nuovo modello di famiglia italiana che chiudendosi sempre più a riccio non lascia più spazio al dialogo con gli altri e quindi alla possibilità del confronto con il prossimo, che si fonda prima di tutto sul rispetto di chi è diverso da me. Sono quasi certo che una delle negligenze più gravi della maggior parte delle famiglie italiane sia quella di non sapere più educare, cioè saper tirare fuori il meglio di sè dai propri figli. Non voglio qui fare distinzioni tra famiglia etica e famiglia affettiva, ma quello che risulta evidente è che i genitori non trasmettono più regole ai loro figli. Ecco che allora quando questi entrano a scuola o al cinema non concepiscono che, in un luogo diverso a quello familiare, ci siano delle regole da rispettare. Non è certo necessario essere pedagogisti per osservare la maleducazione delle nuove genarazioni. Tutto è permesso, tutto è lecito. Così è difficile far capire a un bimbo che a scuola o in una stanza di ospedale, dove qualcuno soffre, il cellulare va spento. E' difficile perchè se non glielo ha insegnato suo padre, quel bimbo non lo capirà mai. E' difficile convincere una ragazzina che a scuola è necessario un certo abbigliamento, perchè se non glielo spiega sua madre, di certo non lo può capire dal rimprovero di un preside. E di esempi simili ce ne sarebbero decine e decine. La maleducazione significa perdita di valori portanti. E questo è un conto che la nuova società fondata sul denaro sta pagando. La maleducazione è la frontiera della nuova inciviltà.
COME NN QUOTARTI!!!!i genitori non trasmettono più regole ai loro figli.Immagine inseritaImmagine inseritaIO USEREI QUESTOImmagine inserita MA NN X I FIGLI....MA X I GENITORI!!!!!!!!!!!!Immagine inseritaImmagine inserita
Finalmente una risposta intelligente..
poldino diventa genitore pure tu, così cambiamo l'andazzo!!! Immagine inserita

#10 miticpippo

    Advanced Member

  • Trusted Members
  • StellettaStellettaStelletta
  • 18074 Messaggi:

Inviato 03 December 2010 - 08:56

Citazione

poldino diventa genitore pure tu, così cambiamo l'andazzo!!! Immagine inserita
Immagine inserita Immagine inserita
Il sempre impeccabile Miticboy e' risorto e non tramonta mai....Immagine inserita


https://www.youtube....h?v=UHckoD3mQhw





1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi